skip to Main Content

Nei laboratori dell’IRBM SpA di Piero Di Lorenzo si sfida l’ebola

Nei Laboratori Dell’IRBM SpA Di Piero Di Lorenzo Si Sfida L’ebola

Uno dei vaccini che promettono di combattere l’epidemia di Ebola è italiano, di proprietà della società farmaceutica GlaxoSmithKline e prodotto in Italia negli stabilimenti di Okairos/Advent, presso l’Irbm SpA di Pomezia (Roma), in collaborazione con i National Institutes of Health americani. La storia, il meccanismo d’azione le nuove prove d’efficacia del farmaco – di cui i test sull’uomo iniziano proprio questa settimana – saranno pubblicati domenica su Nature Medicine.

Piero Di LorenzoIl presidente del Lazio Nicola Zingaretti e il vice Massimiliano Smeriglio hanno visitato l’Irbm SpA di Piero Di Lorenzo.

Entusiasta il commento di Zingaretti al termine del “tour” della struttura: “Dentro questi laboratori di Pomezia, nel Lazio, dopo anni di ricerca da parte di scienziati straordinari è stato inventato il vaccino anti Ebola. Voglio fare i complimenti al professor Cortese e a tutta la sua equipe, che hanno fatto un lavoro importantissimo giungendo a un’innovazione di carattere planetario. Noi siamo qui per accendere i riflettori e contribuire a proporre e a sottolineare quanto per il futuro del Paese sia importante investire su ricerca e innovazione. Come dicono in Usa, anche in Italia we need a new game, e nel Lazio questo nuovo gioco lo abbiamo già iniziato”.

“Quella di oggi – ha sottolineato Smeriglio – è una bella giornata, e non è solo una vicenda laziale. Stiamo parlando del vaccino anti Ebola, è l’Italia che si mette a disposizione del sud del mondo, della tragedia africana. Noi stiamo lavorando così: mesi fa abbiamo chiuso un accordo pubblico-privato, perché è importante il rapporto con la privata IRBM, ma anche il coordinamento e la supervisione del Cnr, che è una struttura pubblica. E poi abbiamo di fronte la programmazione dei prossimi tre anni, e invece di fare interventi a pioggia abbiamo deciso che bioscienze, sostenibilità e cultura saranno i punti su cui investiremo di più”.

 

Servizio del TG1. Intervista al Presidente Piero Di Lorenzo

Back To Top