skip to Main Content

Progetto AICI: tra le imprese promotrici anche l’IRBM di Piero Di Lorenzo

Progetto AICI: Tra Le Imprese Promotrici Anche L’IRBM Di Piero Di Lorenzo

Il network di imprese operanti sul territorio del Lazio formato da Angelini, IRBM SpA, IBN Savio e Ylichron, con il coinvolgimento di enti di ricerca pubblici e privati, ha dato vita al progetto AICI – Approcci Innovativi per il Controllo delle Infezioni.

Il progetto AICI nasce nell’ottobre 2013 con l’obiettivo di creare una piattaforma per il controllo delle infezioni, sia attraverso l’ideazione e la sintesi di nuove entità chimiche, che attraverso l’ottimizzazione delle formulazioni e di processi industriali per garantire una maggiore efficacia ed appropriatezza d’uso. È stato ammesso a contributo dell’avviso pubblico “Insieme x Vincere”, realizzato con il concorso di risorse dell’Unione Europea parte POR FESR e della Regione Lazio.

Il controllo delle infezioni e la promozione della ricerca di nuove molecole che contrastino il problema della resistenza antibiotica, così come il corretto uso di farmaci antinfettivi, è di cruciale importanza nel panorama europeo e globale. Diviene quindi di particolare rilevanza l’investimento in attività di Ricerca e Sviluppo con progetti in questo ambito.

Il progetto vede la partecipazione dei ricercatori delle aziende del network e degli Organismi di Ricerca coinvolti e permetterà la diffusione delle conoscenze scientifiche, arricchendo ulteriormente l’alto livello di competenze, anche attraverso l’organizzazione di specifici momenti di approfondimento scientifico con la presenza di Università e Centri di Ricerca. In particolare, IRBM SpA di Piero Di Lorenzo collabora con Università, istituti clinici e di ricerca, sia in Italia che all’estero, con l’obiettivo di sviluppare nuovi farmaci per la cura delle malattie rare e neglette quali la beta talassemia, l’anemia falciforme, la distrofia muscolare e la malaria.

Il 23 giugno 2015, presso l’Angelini Research Center di S.Palomba a Pomezia, si è tenuto il 1° Workshop pubblico che ha visto l’adesione e la partecipazione attiva di ricercatori, docenti universitari e manager delle imprese partner. Durante la prima parte sono state presentate le aziende partecipanti e la loro adesione all’iniziativa:

  • Angelini ha recentemente acquisito le licenze del nuovo antibiotico dalbavancina e del dispositivo medico Amuphase (lesioni cutanee);
  • IBN Savio ha siglato un vincolo di esclusiva con MSD per l’acquisto del sito di Pavia;
  • IRBM di Piero Di Lorenzo ha sviluppato il vaccino anti-ebola;
  • Ylichron ha validato un metodo per la quantificazione assoluta di miRNA in siero.

È stato poi illustrato il progetto nella sua articolazione e negli specifici contributi per la realizzazione degli obiettivi. Sono quindi seguite tre letture magistrali tenute dal Prof. Giovanni Rezza dell’Istituto Superiore di Sanità, dal Prof. Gian Maria Rossolini dell’Università degli Studi di Firenze e dalla Prof.ssa Patrizia Brigidi dell’Università degli Studi di Bologna. Gli interventi hanno toccato i principali temi legati all’epidemiologia delle malattie infettive, all’antibiotico resistenza dovuta all’emergenza e ri-emergenza di importanti ceppi patogeni, alle nuove conoscenze sul ruolo svolto dal microbiota intestinale nella regolazione dell’immunità e nella protezione da specie microbiche patogene per le quali non esistono al momento altre valide strategie di trattamento.

La giornata si è conclusa con un incontro tra i ricercatori del network, durante il quale sono stati presentati e condivisi i primi risultati e le strategie operative in questa prima fase del progetto.

Back To Top