skip to Main Content

Regione Lazio: Vaccino anti Ebola prodotto a Pomezia con il sostegno della Regione Lazio

È un grande risultato per tutto il Lazio reso possibile da una straordinaria squadra di scienziati che ha portato avanti un lavoro importantissimo giungendo a un’innovazione di carattere planetario

Il vaccino anti ebola viene prodotto a Pomezia dai laboratori della IRBM SpA. Un grande risultato per tutto il Lazio reso possibile da una straordinaria squadra di scienziati che ha portato avanti un lavoro importantissimo giungendo a un’innovazione di carattere planetario.

Un’eccellenza mondiale nel Lazio.  Il vaccino  è stato recentemente approvato dalla Food and Drug Administration, l’agenzia americana per gli alimenti e i medicinali che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici. Per raggiungere questo grande risultato c’è stata una collaborazione tra la società Okairos e IRBM.

Una tecnologia innovativa e all’avanguardia. Il progetto del nuovo vaccino sperimentale anti-Ebola è stato testato in alcuni modelli animali dai ricercatori del VRC (NIH USA): i risultati sono stati spettacolari, al di sopra di ogni aspettativa.

La Regione sostiene la ricerca scientifica. In tanti modi: con il bando sulla Ricerca 2014-2015 e con il protocollo d’intesa firmato a giugno con il Cnr per supportare la ricerca scientifica biomedica. In questo modo la Regione sostiene anche gli studi sulle malattie rare e della povertà, dando così un impulso anche all’economia del settore.

“Questo parco è una fabbrica di futuro, un punto di eccellenza su cui scommettere in un Paese che le fabbriche le chiude- è il commento del presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: questo modo di fare ricerca è in totale controtendenza con il resto d’Italia: il nostro compito è capire che bisogna essere vicini a questi picchi di innovazione ma anche guardare in faccia la realtà e capire che questo non basta, più perché abbiamo bisogno di un sistema competitivo, e tutto il sistema Paese va cambiato”.

“Non si tratta solo di una vicenda laziale. Stiamo parlando del vaccino anti Ebola, è l’Italia che si mette a disposizione del sud del mondo, della tragedia africana”- è il commento di Massimiliano Smeriglio, vicepresidente e assessore formazione, ricerca, scuola e università.

Consulta il contenuto originale

Scarica il pdf

Back To Top